Menu

Identikit del professionista – Sono la tua fonte di ispirazione

0

Perché accontentarsi di un bel compito ben svolto? Da un professionista bisogna pretendere competenza, ma anche empatia e capacità di vera partnership, affinché supporti adeguatamente la visione dell’imprenditore e lo sostenga in modo efficace nello sviluppo del proprio business.

Hai una attività imprenditoriale da alcuni o molti anni. Guardati alle spalle:

  • com’è cambiato il tuo ruolo?
  • com’è cambiata la tua routine?
  • come sono cambiati il tuo atteggiamento mentale e la tua focalizzazione?

Che siano passati 5 o 20 anni da quando hai iniziato, per te è cambiato tutto:

  • è cambiato il tuo ruolo,
  • è cambiata la tua azienda,
  • è cambiato il mercato
  • e sono cambiati i modi di comunicare.

Le incombenze quotidiane hanno sottratto molto del tuo tempo?
La tua è una piccola attività con una struttura piuttosto leggera?
Ricordi la passione e l’intraprendenza con cui hai iniziato?
Stai continuando a dedicarti con attenzione all’innovazione e al miglioramento continuo della tua azienda e dei tuoi prodotti e servizi?
Hai continuato a coltivare la professionalità dei tuoi collaboratori?
Hai accresciuto la tua leadership?
Ti prendi cura del clima aziendale rendendolo fertile e frizzante? Facendo in modo che sia sempre un terreno ideale per l’ascolto del mercato e il cambiamento continuo che ne consegue?

Quando scegli consulenti esterni, anche nell’ambito della comunicazione, sii esigente: oltre alle competenze valuta le caratteristiche personali – le affinità e i tratti complementari a quelli già presenti in azienda – e osserva gli elementi che caratterizzano la vostra relazione.

È molto importante che si sviluppi un feeling naturale, un buon clima di fiducia reciproca e che la relazione sia proficua e sviluppi nuove energie in entrambi gli attori.

L’imprenditore deve pretendere che il proprio consulente risolva i problemi aziendali, proponga strategie vincenti e nuovi strumenti e sia una fonte di ispirazione.
Nessuno ha l’ampiezza della visione dell’imprenditore e nessuno si può sostituire a lui, ma quella visione deve essere adeguatamente supportata, sostenuta e alimentata, affinché non rischi di essere banalizzata, offuscata e dimenticata.

Per l’imprenditore non sono moltissime le occasioni di confronto e collaborazione a livelli adeguati, se non eccellenti e le occasioni che ha deve sfruttarle al meglio. Che si appartenga a un’associazione di categoria, che si formi una rete di imprese, che si partecipi a un consorzio, ad attività pubbliche e private di scambio di referenze o a club più o meno identificati con un settore, un distretto o un cluster, oppure una precisa area geografica, è bene identificare queste opportunità e sfruttarle al massimo, insieme ai propri consulenti, compagni di viaggio con cui condividere e accrescere la propria visione.

In una relazione basata, oltre che sulla competenza, sull’influenza e la sollecitazione reciproche anche il libero professionista trae benefici e vantaggi che vanno molto oltre la semplice efficacia e i risultati positivi della propria attività professionale.

Questo beneficio intangibile è molto superiore alle performance tangibili. Perché? Perché anche il consulente ha bisogno di essere coinvolto per essere coinvolgente, ispirato per ispirare, sentirsi parte imprescindibile di un progetto o di un’azienda in un dato momento storico per sviluppare un forte senso di appartenenza.

Le relazioni sono tante e differenti. Certamente in una relazione coinvolgente il consulente può esprimere al meglio le proprie caratteristiche e il proprio potenziale ed essere un portatore – oltre che di specializzazione e competenze professionali e tecniche – di spunti, idee, ispirazione, per quanto gli compete e anche per tutto il resto, con uno sguardo complessivo sull’impresa e le persone che vi lavorano.

Permette ai vostri consulenti di sentirsi parte delle vostre aziende, di guardarle nella loro globalità, non mettete limiti alle opportunità e in cambio pretendete entusiasmo, tono, ambizione e pro-attività.

Se sarete abbastanza abili da costruire relazioni forti non dovrete più rincorrere fornitori, collaboratori e consulenti. Certo questo non si riesce a fare con tutti. Bisogna avere la pazienza di cercare… e anche di saper dire molti e significativi: “No”.

Chiediamo una promessa di performance, ma senza mai sottovalutare la relazione come potente strumento di ispirazione.

Dott.ssa Chiara Gandolfi

Share.

About Author

Dott.ssa Chiara Gandolfi
Chiara Lisadea Gandolfi
Via Luciano Manara, 37
25126 Brescia BS
Regione: Lombardia
Italia
W
Linkedin.com/in/Lisadea
E
M
+39 333 53.83.07.1

Appassionata da sempre di scrittura e comunicazione ho avuto la fortuna di poter accedere alla professione giornalistica e ho sviluppato la mia esperienza nell'ambito della comunicazione d'impresa: dalle media relation a progetti di content marketing, branding, web e social network. Oggi metto la mia esperienza a disposizione di coloro che hanno bisogno di un punto di riferimento, sia per sviluppare progetti interni, sia per coordinare i professionisti esterni all'impresa.

Partecipa

  • Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments