Menu

Il sud dopo 7 anni torna a crescere, PIL a +0.1%

0

Sebbene sia un incremento timido è sempre un segnale positivo quello di un PIL in crescita, la ripresa c’è anche nel sud Italia.

Le stime di Svimez portano a pensare che nel 2015 il PIL italiano debba crescere di uno 0,8%. Questo risulterebbe da un incremento del +1% del Centro-Nord e del timidissimo 0,1% del Sud.

Anche l’andamento dei consumi è stimato positivamente, nell’ordine di un +0,9% al Centro-Nord e un +0,1% al Sud. Sempre secondo Svimez l’economia del mezzogiorno è destinata a crescere e a rafforzarsi anche nel 2016 quando il PIL italiano dovrebbe raggiungere un +1,3% come risultato di un +1,5% del Centro-Nord e di un +0,7% del Sud.
A sostenere questo trand continueranno a essere i consumi.

Anche gli investimenti fissi lordi sono destinati a crescere, il dato nazionale dovrebbe far registrare un +2% sempre derivante da un maggiore incremento del Centro-Nord che segnerebbe un +2,5% sommato a un +0,5% del Sud.

Come sottolinea Svimez, se questi dati fossero confermati: «Anche in questo caso si interromperebbe la spirale negativa dell’andamento degli investimenti fissi lordi al Sud iniziata nel 2007. Sul fronte occupazionale, si prevede un aumento nazionale del +0,8%: +0,9% al Centro-Nord e +0,6% al Sud.»

Share.

About Author

La Redazione

Contattateci per segnalare eventuali notizie che ritenete meritevoli di attenzione. Anche la Vostra storia potrebbe diventare un interessante articolo da proporre ai nostri lettori. Scriveteci utilizzando il link «Contatti redazione» presente nel menù in cima alla pagina.

Partecipa

  • Leave A Reply

  • Commenti su Facebook

  • Commenta tramite Google+

    Powered by Google+ Comments